La regina delle rane non può bagnarsi i piedi

“C’era una volta uno stagno e nello stagno c’erano una volta le rane. Le rane passavano le giornate facendo cose da rana: saltavano e pigliavano mosche, sonnecchiavano sulle ninfee oppure giocavano con le libellule”. Ma improvvisamente qualcosa cade nell’acqua: una corona che cinge la testa della rana che l’ha ripescata. Le corone, si sa, sono per i re e le regine ma “cosa deve fare una Regina delle Rane? […] non deve parlare con le altre rane, non deve bagnarsi i piedi e deve avere una ninfea tutta sua”. Una storia divertente che sottolinea con ironia quanto il potere a volte sia vuoto e inconsistente e come sia facile farsi trascinare verso una sudditanza passiva  e poco intelligente.

Questa voce è stata pubblicata in Adulti. Contrassegna il permalink.