Skip to main content

Archivi:

Mese: Febbraio 2024

Passo lento camminare insieme per l’inclusione

In un mondo dove tutto è diventato veloce, vorticoso, caotico, camminare è un atto di ribellione. Che lo si faccia nel deserto o sulle montagne, col bello o col cattivo tempo, l’importante è farlo insieme, ciascuno con il proprio passo e la propria diversità. Per scoprire alla fine che ogni cammino ci cambia, portandoci in luoghi in cui non avevamo previsto di andare. Cinque reportage di viaggio su altrettanti trekking cosiddetti inclusivi. Storie di incontri e fatica, di inclusione e socialità delle persone vulnerabili in cui il camminare assume un’importante valenza sociale.

Sicurezza in casa e fuori e non farai più errori!

Nato dall’esperienza dei percorsi di educazione all’autonomia e di inserimento lavorativo dell’AIPD (Associazione Italiana Persone Down), questo volume si rivolge in primo luogo agli adolescenti con disabilità intellettiva (ma anche a tutti coloro cui può essere utile) il testo dà consigli che aiutano a riconoscere situazioni di rischio e adottare comportamenti corretti, con il supporto di attività e storie illustrate. Al volume è allegata una guida per educatori e genitori.

Mario Lodi albero maestro

“Mettere al centro della scuola il bambino, liberarlo da ogni paura, dare motivazione e felicità al suo lavoro, dare importanza alla sua vita e ai sentimenti più alti che dentro gli si svilupperanno, questo è il dovere di un maestro della scuola di un a buona società”. Una raccolta di scritti che riflettono sull’attualità del pensiero e dell’azione del maestro di Piadena, accompagnate dalle poesie di Carlo Marconi e dalle illustrazioni di Anna Forlati.

Il cappello

Cosa può succedere se un copricapo davvero speciale vola sulla testa di un povero soldato con una gamba di legno? Sorpreso da questo dono inaspettato, l’uomo si accorge ben presto che il cappello può compiere prodigi in grado di cambiargli la vita. Un albo divertente stampato con criteri di alta leggibilità che ne permettono la fruizione anche a chi ha difficoltà.

Educare controvento

“Educare è liberare potenzialità, allargare gli sguardi, forgiare e mettere a punto conoscenze e strumenti in grado di moltiplicare le possibilità di scelta di ciascuno […] nella mia esperienza ho imparato che la cooperazione, il ricercare insieme, lo scovare o creare contesti in cui condividere dubbi e domande sono alleati necessari per intraprendere la delicata opera di educare controvento, non accontentandoci di come va il mondo”. Partendo dalle sue esperienze e dai ricordi, l’autore offre uno sguardo sull’educazione e sui compiti della scuola, facendosi aiutare anche da maestre e maestri del passato e del presente che lo hanno formato aprendo prospettive nuove e inattese.