Eccentrico – l’autismo in un saggio autobiografico

“A trentanove anni ho scoperto di non sapere chi fossi realmente […] la diagnosi è stata per me una liberazione, finalmente ho capito perché fin a quel momento mi era sembrato di vivere su un altro pianeta […] essere riuscito a dare un nome al mio modo di essere mi ha dato la possibilità di rientrare in contatto con la persona che sono sempre stato ma che, per timore di essere rifiutato, ho costantemente cercato di nascondere”. L’autore, partendo dalla sua esperienza, racconta l’autismo facendo emergere le difficoltà vissute in prima persona, le crisi che ciclicamente intervengono, le loro cause e conseguenze, l’incapacità di comprendere un mondo strutturato e regolato da e per persone neurotipiche.

Questa voce è stata pubblicata in Adulti. Contrassegna il permalink.