Ragazza Aspy come vorrei che il mondo ci capisse

“Per alcuni mesi sono stata la penna di Agnese ma, ancor di più, sono stata uno sguardo in cui specchiarsi, vedersi e raccontarsi. Perché di cose da dire Agnese ne aveva così tante che insieme le abbiamo pazientemente e appassionatamente messe in fila, una dopo l’altra […] dare voce a qualcuno è una grande responsabilità: Agnese mi ha permesso di imparare, empatizzare e immedesimarmi. Mettersi nei panni di un altro è un ottimo allenamento, ma è soprattutto un regalo che si riceve”. Le parole di Irene Roncoroni, copywriter e anche amica di Agnese introducono la storia di una ragazzina cui è stata diagnosticata la sindrome di Asperger.

Questa voce è stata pubblicata in Adulti. Contrassegna il permalink.