Dal 1880

Senza bisogno di parole, l’albo racconta il tempo che passa, mostrando pagina dopo pagina la vetrina di una libreria il cui contenuto cambia con il passare degli anni, come cambiano i proprietari e i negozi vicini. Davanti alla vetrina vediamo carrozze, poi auto di modelli sempre diversi mentre cambiano anche i vestiti dei passanti e dei librai. Vediamo anche soldati con divise diverse che segnano il passaggio di guerre devastanti e l’ombra delle persecuzioni. Un albo da sfogliare più volte alla ricerca di nuovi particolari, un atto d’amore nei confronti dei libri e di chi della loro cura ne ha fatto un mestiere.

Questa voce è stata pubblicata in Ragazzi. Contrassegna il permalink.