Alfonsina corre

“Quando avevo dieci anni, mio papà mi ha regalato una bicicletta […] era molto più grande di me. Molto più veloce di me. Lei scattava, io volavo. Volevo essere libera, correre, pedalare”. Con brevi frasi e grandi illustrazioni, l’albo racconta la storia di una ragazzina determinata che, unica donna, ottenne di poter partecipare al Giro d’Italia del 1924, quando il ciclismo era considerato uno sport esclusivamente maschile. Fu una dei 30 concorrenti che completarono il percorso. Erano partiti in 90.

Questa voce è stata pubblicata in Ragazzi. Contrassegna il permalink.