La strada nuova

“Sai quante volte le persone mi chiedono se ricordo il momento in cui mi sono resa conto di essere diversa? Ogni volta mi domando perché così tanti trovino importante che ci sia stato un momento preciso. Preferirei che mi chiedessero quando mi sono accorta che potevo fare ed essere ciò che davvero volevo, che potevo realizzare ciò che sognavo e dare corpo a ciò che immaginavo […] andando più a fondo: siamo sicuri che essere diversi sia nient’altro che una croce che ci tocca portare? Io non sono stata cresciuta in questa prospettiva. Quando ero bambina non mi importava nulla di non avere le braccia. A contare era altro: l’affetto della mia famiglia, il modo in cui loro mi guardavano, la mia felicità”. In un viaggio ideale insieme ai lettori, l’autrice ripercorre la strada che l’ha portata a capire che è a partire da se stessi, guardandosi dentro, che si può scoprire la propria natura e imboccare la strada adatta per potersi realizzare ed essere protagonisti della propria vita.

Questa voce è stata pubblicata in Adulti. Contrassegna il permalink.