Cornelius Holmes: il caso del barboncino dei Baskerville

Il distratto protagonista di questo divertente racconto crede di essere discendente del più famoso Sherlock e si lancia in indagini sconclusionate senza riflettere. E’ Watson, il suo cane, che ne ripercorre le imprese ben sapendo che non avranno successo. Perché sia accessibile a tutti, il libro utilizza accorgimenti grafici e visivi che ne facilitano la lettura accompagnati da un attento lavoro di redazione che agevoli i lettori senza rinunciare alla qualità letteraria.

Questa voce è stata pubblicata in Ragazzi. Contrassegna il permalink.