Una nave di nome Mexique

“Non ricordo bene dove si trova il paese in cui stiamo andando, ma è lontano. Resteremo lì finchè tutto non si calmerà. Tre o quattro mesi. Come una vacanza un po’ più lunga. Questo mi ha detto la mamma”. Quando in Spagna scoppiò la guerra civile, moltissimi bambini, figli di repubblicani, furono allontanati per proteggerli: l’albo racconta la storia di alcune centinaia di bambini che trovarono rifugio in Messico. La tragica conclusione della guerra civile e l’avvento della dittatura franchista cambiò tutto e quello che pensavano come un breve periodo di vacanza si trasformò in un esilio perpetuo.

Questa voce è stata pubblicata in Ragazzi. Contrassegna il permalink.