Skip to main content

Archivi:

Mese: Gennaio 2023

Eccentrico – l’autismo in un saggio autobiografico

“A trentanove anni ho scoperto di non sapere chi fossi realmente […] la diagnosi è stata per me una liberazione, finalmente ho capito perché fin a quel momento mi era sembrato di vivere su un altro pianeta […] essere riuscito a dare un nome al mio modo di essere mi ha dato la possibilità di rientrare in contatto con la persona che sono sempre stato ma che, per timore di essere rifiutato, ho costantemente cercato di nascondere”. L’autore, partendo dalla sua esperienza, racconta l’autismo facendo emergere le difficoltà vissute in prima persona, le crisi che ciclicamente intervengono, le loro cause e conseguenze, l’incapacità di comprendere un mondo strutturato e regolato da e per persone neurotipiche.

Di pari passo: il lavoro oltre l’idea di inclusione

Una riflessione sull’inclusione lavorativa e sulla contraddizione che la rende “quasi un ossimoro, ossia la reale sostenibilità del processo inclusivo in un ecosistema aziendale spesso pervaso da ideali che premiano la competitività e misurano con strumenti standardizzati il valore della persona in base alla sua produttività”. L’autore suggerisce un superamento del concetto di inclusione, proponendo di sostituirlo con quello di “convivenza delle differenze” che mette al centro la persona e invita ad affrontare le criticità strutturali di un sistema basato sulla disuguaglianza e a pensare la differenza come normalità.

Il silenzio del mondo

La storia di tre donne accomunate dalla sordità che si trasmettono da madre a figlia: Rosa nata durante il fascismo e adottata da una famigli poverissima solo per il sussidio che veniva concesso per la sua accoglienza. Considerata priva di intelligenza, impara da un incontro casuale ad esprimersi con i segni. Costretta a sposare l’uomo che l’ha messa incinta, crescerà la figlia Laura insegnando anche a lei a segnare nonostante la proibizione del marito. Da Laura nascerà Francesca, anch’essa sorda ma cresciuta nella libertà di poter usare i segni per comunicare con gli altri. Un romanzo, nato anche dall’esperienza personale dell’autore, che cerca di farci capire la diversità dell’essere sordi, la fatica del comunicare con codici non sempre accettati e conosciuti, dove ogni giorno bisogna trovare la strada per ascoltare e farsi ascoltare.

Adattarsi

“Un giorno, in una famiglia, nacque un figlio inadatto. Nonostante la sua bruttezza un po’ umiliante, questa parola potrebbe tuttavia descrivere la realtà di un corpo molle, di uno sguardo mobile e vuoto […] stava comunque ai margini delle altre vite, non completamente integrato con queste, ma prendendovi nonostante tutto parte, come l’ombra all’angolo di un quadro, allo stesso tempo intrusa eppure voluta dal pittore”.  Un romanzo che, attraverso le voci di tre fratelli, diversissimi tra loro, racconta com’è crescere con un fratello disabile.

Il mutismo selettivo

Il volume affronta le problematiche legate ad un disturbo d’ansia piuttosto raro ma con un forte impatto sulla vita del bambino. Dopo una breve descrizione del mutismo selettivo, delle sue cause e della sua possibile evoluzione, gli autori affrontano gli aspetti tecnici dei possibili interventi, suggerendo e descrivendo nei dettagli le strategie efficaci per affrontarlo nei diversi contesti di vita.