La penna di Anne Frank

“Il Diario è un grande libro su cosa significhi essere adolescente scritto a qualcuno che adolescente lo era davvero, nel momento in cui lo ha concepito. Questo lo rende un banco di prova, un modello, un canone rispetto al quale testare e giudicare la letteratura giovanile. Contemporaneamente, solleva importanti questioni sulla differenza tra scrivere ed essere autori, sulla relazione tra lettore e lettura e scrittore e scrittura, e sui problemi e l’etica della traduzione. Ma più di ogni altra cosa, e molto semplicemente, il Diario è un’opera letteraria dal fascino intramontabile, capace di stimolare riflessioni su quale sia la natura di un testo che definiamo “letteratura” […] scrivere-e-leggere, come atto, forgiano questa connessione, e sono al tempo stesso una celebrazione del nostro potere di autocreazione. La verità sulla scrittura di Anne è che essa l’ha aiutata a renderla ciò che lei stessa è. Non quello che era, rispetto a cui non sapremo mai nulla. Ma quello che lei è –un essere sempre presente, una coscienza che vive e dà vita finchè qualcun altro, qualcun Altro, potrà leggere ciò che lei ha scritto, e, prestandole completa attenzione, diventare lei. Un ulteriore piano di lettura per il famoso diario, che stimola una riflessione sull’adolescenza ma anche sulla natura di un testo che viene definito letteratura.

Pubblicato in Adulti | Commenti disabilitati su La penna di Anne Frank

L’isola

Quando il piccolo aquilotto, accompagnato dai genitori, arriva in un luogo sconosciuto per affrontare un viaggio in una grotta misteriosa, è pieno di paura ma scopre ben presto di non essere solo. Una storia illustrata, fortemente voluta dalla Fondazione ABIO Italia onlus per il bambino in ospedale che, attraverso la fiaba, vuole aiutare i più piccoli ad affrontare senza ansie il soggiorno in ospedale.

Pubblicato in Ragazzi | Commenti disabilitati su L’isola

L’ invenzione che ho inventato

Il piccolo protagonista, per ingannare la noia di un giorno di pioggia, illustra con un disegno il suo progetto straordinario. Lo mostrerà ai genitori, alla nonna, al postino… ma nessuno sembra intuire cosa sta dietro l’illustrazione di cui è così fiero. Sarà Clara, una piccola compagna a comprendere al volo e a ridare fiducia al bambino.

Pubblicato in Ragazzi | Commenti disabilitati su L’ invenzione che ho inventato

Il respiro di tutti

Improvvisamente, nel bosco dove tutti vivono in armonia, arrivano tre nuovi animali che suscitano diffidenza e paura. Vengono evitati, sono ignorati i loro tentativi di fare amicizia, si pensa di cacciarli. Quando lo stesso bosco e i suoi abitanti saranno messi in difficoltà da una violenta alluvione, saranno proprio i tre nuovi arrivati a salvarli e questo cambierà tutto.

Pubblicato in Ragazzi | Commenti disabilitati su Il respiro di tutti

Nella neve

Poche parole su di uno sfondo bianchissimo, tracce grigie appena accennate, una folta coda poi un musetto. Chi sta cercando? Incuriositi dal mistero, giriamo le pagine, una dopo l’altra, seguiamo la piccola volpe e scopriamo il vecchio gioco del nascondino sullo sfondo di un bosco innevato e silenzioso.

Pubblicato in Ragazzi | Commenti disabilitati su Nella neve

Revolution

Pagina dopo pagina bellissimi animali, incroci improbabili e straordinari, si incontrano, si uniscono, hanno cuccioli che assomigliano e insieme sono diversi dai loro genitori e che, a loro volta, si incontrano e hanno altri cuccioli, in un girotondo senza parole ma dal messaggio chiarissimo, che anche la stessa autrice ribadisce: “Se risalissimo ai nostri tris nonni e più su ai loro tris tris nonni scopriremmo di avere antenati di tanti paesi diversi e parenti sparsi un po’ in tutto il mondo. Lo rivela il nostro DNA […] questo libro racconta con la sola forza delle immagini, la potenza dell’amore, della trasformazione, delle diversità e delle somiglianze che sono all’origine di tutti noi”.

Pubblicato in Ragazzi | Commenti disabilitati su Revolution

L’orto di Simone

Il piccolo coniglio protagonista è molto orgoglioso del suo orto dove coltiva bellissime carote ma l’arrivo di tanti nuovi animaletti che si accingono a piantare melanzane, lattuga, fragole, lo fa arrabbiare così se ne va. Ma ritornerà presto.

Pubblicato in Ragazzi | Commenti disabilitati su L’orto di Simone

Ti dico la verità: un uomo racconta a suo figlio come è diventato padre

“…il tempo passava, e Mattia cresceva. Così, quando ho capito che potevo portarlo in ospedale, l’ho fatto. La maggior parte delle persone che erano intorno a me dicevano che ero pazzo. Mattia aveva otto, nove, dieci mesi, l’ospedale, dicevano, non è un posto adatto per un bambino. Certo che non lo è, ma quell’ospedale era il posto dove stava sua madre. Così ho scelto, ho pensato che nella sua vita c’era quello, una madre in stato vegetativo in una camera d’ospedale. Sua madre era lì, quel poco che c’era, poteva essere una testimonianza. Un corpo che lo aveva avuto e generato, un legame con me, una storia concreta con cui fare i conti […] Potevo dirgli solo la verità, avevo solo la verità […] la verità lo ha educato, più di quello che potevano fare discorsi o favole belle. La verità gli ha fatto male, ma la verità non era un’opzione tra le tante, era la sua vita”. Sei mesi dopo la nascita del piccolo Mattia, la sua mamma entra in stato vegetativo e muore dopo tre lunghi anni. E’ il padre che racconta la loro storia e come è riuscito a guardare avanti.

Pubblicato in Adulti | Commenti disabilitati su Ti dico la verità: un uomo racconta a suo figlio come è diventato padre

I miei bambini hanno i superpoteri. Storia della nostra dislessia

“Chiediamo e richiediamo lumi ai vari specialisti, però ognuno si prende la responsabilità solo della propria parte: uno fa i test e la certificazione, l’altro la terapia, l’altro ancora la logopedia. Col risultato che la ricetta pratica, quella da cucinarti tutte le sere per stare meglio e non sclerare, nessuno ce la passa. La dobbiamo inventare. Mischiando gli ingredienti, approssimando le dosi, rigirando la minestra e sperando che, se non è buona, almeno sia commestibile”.  E’ una mamma che racconta, in prima persona, la storia della propria famiglia, dei due figli con disturbi dell’apprendimento e della lotta quotidiana per sostenerli e valorizzarli.

Pubblicato in Adulti | Commenti disabilitati su I miei bambini hanno i superpoteri. Storia della nostra dislessia

Anzitutto bambini: il bambino con disabilità ad alta complessità assistenziale e in stato di abba

“… se devono esserci dei luoghi per questi bambini diversi dalla propria casa allora è proprio importante che siano case e non luoghi asettici, case dove può entrare mezzo ospedale se così deve essere ma sempre casa e non ospedali, dove poter essere bambini e non pazienti. E servono persone che ogni giorno fanno gli equilibristi per fare il proprio lavoro, perché si tratta di un lavoro che ha in sé potente la necessità di non esserlo, perché alle volte il limite tra lavoro e qualcosa di più profondo è così delicato e fragile ma allo stesso tempo indispensabile […] Riflettere su un ambiente così complesso richiede lo sforzo di riflettere su tutto il percorso inclusivo iniziato anni fa e offre, ne sono convinto, l’opportunità di chiedersi se ogni servizio ha, possa avere, debba avere, questa sottile area di confine tra lavoro e non lavoro, qualcosa che difficilmente si spiega con parole ma che si sente, si vede: si impara e si insegna, perché altri imparino e si appassionino alla cose fatte in un certo modo”.

Pubblicato in Adulti | Commenti disabilitati su Anzitutto bambini: il bambino con disabilità ad alta complessità assistenziale e in stato di abba