Human

Arcade è tutto ciò che resta della Terra: una città in verticale dove non esistono più animali e vegetali e il sole non penetra più ad illuminare gli strati più bassi. Qui vivono gli uomini sopravvissuti, circondati da robot sofisticati che rivendicano autonomia e dignità. Ambientato in un cupo futuro, il romanzo racconta di Cass, robot di ultima generazione, in grado di pensare e di provare sentimenti. Una bella storia di fantascienza, che porta sottotraccia il ricordo di Blade Runner, che parla anche di pregiudizi e accettazione, di diversità e tolleranza.

Questa voce è stata pubblicata in Adulti. Contrassegna il permalink.