Fare i racCONTI con il cambiamento

“Niente, non ricordo niente, ero in coma. mi sono svegliato solo dopo due o tre settimane. L’infortunio è avvenuto dopo pranzo […] sono andato avanti perchè sono un carattere così: non rimango bloccato.” Venti interviste a persone infortunate, affette da malattie professionali o a familiari che documentano un intenso lavoro su di sè e dell’importanza della narrazione nell’affrontare percorsi difficili.

Questa voce è stata pubblicata in Adulti. Contrassegna il permalink.