Diario di un difettoso

“Decisi semplicemente di diventare felice […] la scienza aveva emesso il suo verdetto: soffrivo di una malattia rara, non ancora conosciuta, ma sicuramente incurabile […] nella vita non è importante l’assenza dei problemi, ma avere una grande condizione vitale che permetta di affrontare qualsiasi situazione. D’altronde non esiste una vita senza problemi, senza malattie, senza imprevisti, senza incidenti… Non esiste una vita “senza”. Esiste invece una vita “con” e non possiamo essere sempre altrove ma abbiamo il diritto/dovere di essere felici qui e ora”. L’autobiografia di un uomo che, nonostante la malattia che gli procura una paralisi progressiva, riesce a vivere una vita piena.

Questa voce è stata pubblicata in Adulti. Contrassegna il permalink.