Cattive ragazze

Come ci dice nell’introduzione Cecilia D’Elia “… le donne ci sono sempre state, dall’origine dell’umanità: anzi, non avrebbe potuto esservi la storia dell’umanità senza le donne. Bisogna diffidare delle storie che non le ricordano, perché nascondono una parte della realtà e non le rendono un buon servizio”. Ce le ricorda questo bel graphic novel che tratteggia quindici ritratti di donne, più o meno note, ma unite dallo stesso denominatore: rivendicare la propria identità, essere riconosciute per i propri talenti e poter partecipare alla vita e alla Storia, senza doversi nascondere. Un libro accattivante, scritto utilizzando gli speciali accorgimenti che ne permetteranno la lettura anche a chi ha difficoltà.

Questa voce è stata pubblicata in Adulti. Contrassegna il permalink.