Io sono Bellaq

Mentre in classe si sta discutendo dell’attentato della sera precedente, la polizia fa irruzione nella scuola e porta via un bambino sostenendo che sia il responsabile della strage. Come è possibile che un bambino di nove anni abbia potuto arrivare a tanto? Mentre leggiamo capiamo che si tratta semplicemente di un caso di omonimia ma non sono altrettanto veloci a capirlo le forze dell’ordine che, in un crescendo di situazioni surreali, lo sottopongono a interrogatori estenuanti senza mai ascoltare veramente le sue risposte.

Questa voce è stata pubblicata in Ragazzi. Contrassegna il permalink.