AFK

AFK sta per Away From Keyboard. E lontano dalla tastiera non riesce a stare il giovane protagonista di questo intenso romanzo. Da due anni chiuso nella sua stanza passa le notti in rete immerso in videogiochi che lo isolano dal resto del mondo. Ma, improvvisamente, la realtà irrompe e incrina il suo equilibrio precario: la sorella maggiore lo trascina in una fuga da casa di cui lui non capisce le ragioni. Abituato da sempre ad essere considerato l’unico problema per la famiglia, scopre che non tutto gira intorno a lui e che si può vivere anche senza computer.

Questa voce è stata pubblicata in Ragazzi. Contrassegna il permalink.