Ophelia

Sola, evitata dai compagni di scuola, la giovane protagonista ama lasciare la sua tag sui muri della città. L’incontro con una scrittrice che le dona un quaderno dove riportare i suoi pensieri fa scattare in lei la voglia di riflettere su se stessa. In una serie di lettere ideali indirizzate alla donna, riporta sul quaderno quello che le accade, dalla scoperta di un piccolo edificio abbandonato dove può rifugiarsi a dipingere all’incontro con un altro ragazzo emarginato che usa lo stesso luogo per studiare i misteri della meccanica e progettare lunghi viaggi. La diffidenza iniziale si stempera mentre i due ragazzi, che sentono di assomigliarsi, prendono sempre più confidenza e, insieme, riescono ad affrontare la scuola e la famiglia con sicurezza e maturità.

Questa voce è stata pubblicata in Ragazzi. Contrassegna il permalink.